Notte del Liceo Classico

LA NOTTE DEI CLASSICI ANCHE A MONDOVÌ

notte%20dei%20classici.jpg

Venerdì 12 Gennaio 2018 dalle 18.00 alle 22.00 il Liceo “Vasco – Beccaria – Govone” di Mondovì apre le proprie porte alla cittadinanza con la Notte Bianca dei Licei Classici.

Si tratta della IV edizione di una iniziativa a livello nazionale che negli anni si è estesa a quasi tutti i licei italiani. Da Nord a Sud dell’Italia 400 Licei Classici saranno tutti insieme su un ideale palco teatrale con una serie di manifestazioni per riaffermare la forza delle radici antiche nella cultura contemporanea e il valore formativo ed educativo della scuola che ha cresciuto l’Europa per secoli.

Si vuole valorizzare un indirizzo che ha i suoi punti di forza nell’ampiezza della preparazione culturale, dalle materie umanistiche a quelle scientifiche, e nello sviluppo del senso critico, oggi ancor più necessario.

Il metodo di studio acquisito si basa sulla precisione e sulla flessibilità, e comprende la capacità di affrontare gli impegni dell’università prima, e del lavoro poi, come dimostrano i risultati degli allievi; ma soprattutto una buona formazione culturale è una compagna per tutta la vita.

A presentarsi è un G.B.Beccaria in fase di rinnovamento: si sta elaborando un progetto che abbraccia le certificazioni di lingue: preparare quelle di inglese di livello più elevato, offrire la possibilità di raggiungere quelle di francese, e quelle innovative di latino. Si prevedono anche potenziamenti di arte, approfondimenti verso i beni culturali, l’economia, l’area biomedica.

Molte attività attendono chi verrà a trovarci. La visita ai Musei del tempo (Periegesis): tableaux vivants da quadri famosi, letture recitate e commenti, da Medea a Paolo e Francesca, da Lucrezio ai war poets inglesi (Pínakes); musica da parte dei molti allievi musicisti, dalla classica al rock, dal piano all’arpa(Mousiké); laboratori di traduzione: greco, latino, inglese, (e anche giapponese) come sfida per chi vuole misurarsi (Vortit barbare); esperimenti di fisica (Tà Physiká) e di scienze (Spagirica).

Gli allievi impegnati nello sport animeranno Mens sana in corpore sano; disputeranno nell’Agorá estetico/filosofica; giocheranno tra enigmi e quiz in  Aenigmata per ambages.

Infine avremo la Gustatio: un confronto tra cibi antichi e moderni, sino ad esaurimento scorte, naturalmente.

Sono invitati docenti ed allievi di ieri, di oggi e di domani, le loro famiglie, e quanti vogliono conoscere dal vivo (e dal vero) la vita del Liceo Classico, proteso verso il futuro da radici profonde.

Si ringraziano gli Sponsores:Assimondo, Farmacia Travaglio del Dr. Bo, Autoscuola Botto e Tonelli, British Centre, Parafarmacia D.ssa Denina, Cantine Bonaparte.

Liceo matematico

Il liceo matematico, novità del 2017!

 

liceo%20matematico.JPG

 

Il liceo scientifico Vasco Beccaria Govone ha da quest’anno arricchito la propria offerta formativa con una proposta di alto livello didattico-scientifico e di portata nazionale: l’istituzione di classi di liceo potenziato in matematica (LPM).

Il liceo potenziato in matematica è nato in seno al mondo accademico, le facoltà di matematica dell’Università degli Studi di Roma-Sapienza,  di Salerno e di Torino hanno collaborato per attuare la formazione di docenti del liceo che coordinassero le attività nelle scuole di appartenenza.

Il liceo Vasco Beccaria Govone ha aderito a questo progetto di elevata formazione didattico-scientifica dando ai propri allievi la possibilità di iscriversi in forma facoltativa e gratuita a classi di liceo matematico. Il monte ore annuale verrà aumentato di 33 ore, un’ora alla settimana (in uno dei giorni in cui gli allievi escono alle ore 12); ciò darà la possibilità agli allievi di accrescere e approfondire le conoscenze della matematica applicando i metodi della ricerca matematica e acquisendo un atteggiamento amichevole nei confronti della disciplina.

La stretta collaborazione con il dipartimento di Didattica della Matematica dell’Università di Torino coordinato dai prof. Ferdinando Arzarello , Francesca Ferrara e Ornella Robutti, garantisce l’efficacia del progetto.

Quest’anno i ragazzi iscritti al liceo matematico sono 75, motivati ad apprendere i metodi della ricerca-azione, attenti e partecipi alle diverse attività che prevedono largo uso del pensiero (in primis) ma anche di strumenti informatici di vario tipo.

Le attività sono originali, svolte in piccoli gruppi, non richiedono studio aggiuntivo a casa, non sono soggette a verifiche tradizionali (tipo compiti in classe) ma sono volte al creare il piacere di fare matematica liberi da vincoli quali il curricolo nazionale e lo stress della valutazione.

 

I libri, l'arma più forte contro la violenza

I LIBRI, L’ARMA PIÚ FORTE CONTRO LA VIOLENZA

Scuola e cultura per la Giornata Mondiale contro la violenza 25.11.2017

Giornata%20Mondiale%20contro%20la%20viol 

Una Scuola che concretamente si apre al territorio è anche una Scuola che sa accogliere con pronto entusiasmo le proposte di collaborazione che arrivano da associazioni ed enti culturali e dalle librerie. Come è appunto successo, questa volta, con l’idea di Lettera 22, la libreria di Corso Statuto 35 a Mondovì: far leggere agli studenti del Liceo “Vasco-Beccaria-Govone” di Mondovì, reduci dall’impegno nel Progetto “Io leggo perché” dello scorso ottobre, brani da alcune opere importanti relativi al tema, quanto mai drammaticamente attuale, della violenza contro le donne. Questo il nocciolo della proposta: ma come talvolta accade, ragionando assieme, l’idea si è ulteriormente arricchita. Si è pensato anche ad un accompagnamento musicale, due chitarre in sottofondo, ma poi anche un momento di sola musica e anche ad un momento di sola recitazione, un brano tratto da una pièce teatrale di Paola Cortellesi, che ha felicemente sorpreso ed entusiasmato il pubblico. E ha prontamente aderito anche la Sezione di Mondovì dell’A.N.P.I. (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia), il cui Presidente, Mauro Pettini, ha presenziato all’iniziativa e ha chiesto di leggere anche il comunicato ufficiale del Presidente Nazionale dell’ANPI, Carla Nespolo. In un’ora e davanti ad un numeroso pubblico, gli studenti hanno letto con fervida intensità brani da Ferite a morte di Serena Dandini, da Mille splendidi soli di Khaled Hosseini, da La masseria delle allodole di Antonia Arslan, da Io sono Malala di Christina Lamb e Malala Yousafzai e dal Diario di Anna Frank,  Pagine toccanti, che hanno stigmatizzato senza tronfia retorica la violenza perpetrata contro le donne in tutti i tempi, di guerra e di pace: le troppe forme di violenza, entro le pareti domestiche e all’aperto; di giorno e di notte; psicologiche e fisiche; efferate e stupide, vergogna infinita per tutti coloro che le commettono. E contro le quali lettura e cultura possono e devono essere un validissimo antidoto.

Si ringraziano di cuore i nostri alunni protagonisti dell’iniziativa:  come lettori: Barreca Giorgia, Borgna Fabrizio, Garelli Alice (presentatrice di tutti gli interventi), Lupu Andreas, Morandini Leone, Raimondi Sara, Sciandra Sofia, Tealdi Andrea; come musicisti: Pejkovic Petar (chitarra) e Rolfi Paolo (chitarra e voce).

Giornata%20Mondiale%20contro%20la%20viol

Che cosa è il tempo?

Convegno%20Beccaria_4.jpg

“CHE COSA E’ IL TEMPO?“

Al buon sant’Agostino saranno continuamente fischiate le orecchie, mercoledì 29 novembre – una volta tanto non per via di antifone o salmodie innalzate in suo onore, bensì per esser stato l’autore di una delle più efficaci pagine sul tema del tempo che la civiltà occidentale abbia mai prodotto, ricordata spesso per il gioiello aforistico che vi è come incastonato dentro: «che cos’è il tempo? se nessuno m’interroga, lo so; se volessi spiegarlo a chi mi interroga, non lo so». Ecco, che cos’è il tempo? Se lo sono chiesti alcune intraprendenti docenti del Liceo “Vasco-Beccaria-Govone” di Mondovì, guidate dalle professoresse Emanuela Sordo e Monica Chiesa, che hanno deciso di dedicare a questo tema il secondo convegno intitolato appunto alla memoria di Giovanni Battista Beccaria (il primo si tenne un anno fa, più o meno in questo stesso periodo) e promosso nel quadro del progetto “Apriti Liceo”, vincitore del bando del MiBACT “Scuola: spazio aperto alla cultura”, attraverso cui il Liceo monregalese sta continuando tra l’altro quell’opera di valorizzazione del proprio patrimonio di strumenti scientifici, raccolti in un Museo che non a caso è stato chiamato, anch’esso, “Laboratorio del Tempo”. Siamo qui all’incrocio di vari saperi, giacché le questioni filosofiche e finanche teologiche si intrecciano con quelle della fisica e della biologia, senza trascurare la letteratura, classica e non, con il suo ricco repertorio di riflessioni su un tema che inevitabilmente ci coinvolge tutti. Il convegno, ospitato presso la Sala Conferenze dell’Istituto Alberghiero “Giolitti” di Mondovì, ha cercato di mettere a confronto tutte queste voci, offrendo quantomeno un profilo delle principali questioni in gioco quando si affronta un problema di tale portata. Così, in estrema sintesi, nelle relazioni del mattino, il dottor Alberto Crosetto, funzionario della Soprintendenza archeologica del Piemonte, ha proposto una documentata ricostruzione dei “segni del tempo” inscritti nel nostro paesaggio, intese come cicatrici lasciate da eventi più o meno catastrofici che spesso facciamo però finta di non vedere, mettendo così seriamente in pericolo le nostre vite; il professor Paolo Lamberti ha presentato uno dei tanti tesori custoditi dal Liceo, un “orologio dantesco” meccanico costruito a fine ‘800 per seguire passo passo l’itinerario della Divina Commedia, alla luce delle indicazioni astronomiche disseminate da Dante nelle sue terzine; il professor Vincenzo Barone, fisico teorico all’Università del Piemonte orientale e apprezzato divulgatore scientifico, ha ricostruito la nuova immagine del tempo – pardon, dello spaziotempo – emersa nella fisica contemporanea a partire dalla teoria della relatività di Einstein e dalla meccanica quantistica. Nel pomeriggio, infine, il professor Stefano Casarino ci ha accompagnato in una “scorribanda” (come l’ha chiamata lui) nella cultura classica, per riascoltare ancora una volta la ricca meditazione che greci e latini, in particolare, hanno elaborato sul tempo, avvertito ora come privilegio ora come condanna; a seguire, il professor Enrico Pasini, docente di storia della filosofia e della scienza presso l’Università di Torino, ha provato a classificare il tipo di quesiti che la filosofia in genere si pone quando si sforza di produrre ragionamenti specifici sul tempo, non sempre – a dire il vero – con risultati particolarmente accattivanti. La chiusura dei lavori è stata affidata ad alcuni studenti delle classi quarte del Liceo, i quali – guidati dalla professoressa Angela Cucchi, con la collaborazione del professor Lorenzo Vacchetta – hanno allestito un vero e proprio dibattito intorno all’ulteriore curvatura che la questione del tempo subisce se riletta attraverso l’esperienza ormai totalizzante dei nuovi social media – l’ennesimo rilancio in una discussione per esaurire la quale il tempo che ci è dato non sarà mai abbastanza.

                                                                                    Il moderatore del Convegno prof. Simone Mammola

Convegn%20Beccaria_1.jpg

 

Convegno%20Beccaria_3.jpg

 

Convegno%20Beccaria_5.jpg

Io leggo perché 2017

SCUOLA E LIBRI: UN BINOMIO INDISSOLUBILE … ANCHE NEL 2017

Io%20%20leggo%20perchè.jpg

 

GRANDE SUCCESSO DEL PROGETTO “IO LEGGO PERCHÉ”AL LICEO “VASCO-BECCARIA-GOVONE” DI MONDOVÍ.

Il progetto “Io leggo perché”, giunto quest’anno alla sua terza edizione, è la più grande iniziativa nazionale di promozione della lettura, organizzata dall'Associazione Italiana Editori. Da sabato 21 a domenica 29 ottobre 2017nelle librerie aderenti è stato possibileacquistare libri da donare alle Scuole: ciò ha coinvolto docenti, che hanno avuto il compito di prendere accordi preliminari  e di organizzare il calendario delle attività, ma soprattutto studenti, che per l’occasione si sono trasformati in promoters, proponendo letture di brani e orientando i clienti all’acquisto.

L’adesione a tale iniziativa è stata entusiastica al Liceo “Vasco-Beccaria-Govone” di Mondovì, che ha stipulato convenzioni con tre librerie monregalesi (Confabula, Lettera 22 e Libreria Coop) e che ha coinvolto ben 106 studenti, 66 dei quali si vedranno riconosciuta tale attività anche nell’alternanza scuola/lavoro: nel periodo indicato ciascuno di loro ha passato alcune ore in libreria,  facendosi molto apprezzare per l’impegno profuso sia dai librai ospiti che dai clienti, che hanno risposto con grande generosità.

Ben 281 libri, infatti, sono stati da loro donati alla nostra Scuola: e tale numero, già di per sé notevolissimo, crescerà ulteriormente, perché anche gli editori contribuiranno a loro volta con un’ulteriore quota, che prevedibilmente farà superare le quattro centinaia di volumi. Un risultato davvero straordinario, per il quale è un dovere e un piacere ringraziare i nostri studenti.

Ma è importante dire che questa è per noi solo la prima fase del progetto: questa cospicua mole di libri, infatti, non sarà semplicemente un robusto potenziamento della libreria d’Istituto, ma verrà resa immediatamente fruibile per il “Circolo di Lettura” che si è appena costituito. Perché è nostra convinzione che i libri non debbano stare sugli scaffali, ma passare di mano in mano, entrare nelle camere (e nella vita) degli studenti, costituire occasione di discussione, di scambio: il libro non va solo archiviato e conservato, ma soprattutto letto. Solo così sarà pienamente raggiunto l’obiettivo del progetto: perché aveva, ha pienamente ragione Carlo Dossi quando affermava: Io non scrivo mai il mio nome sui libri che compro se non dopo averli letti, perché allora soltanto posso dirli miei.

A Firenze per incontrare l'antico e il moderno

 Un gruppo di sessantasei studenti del Liceo Vasco-Beccaria-Govone per quattro magnifici giorni nella capitale della cultura.

Viaggo%20a%20Firenze%20Cook.jpg 

 

Visitare Firenze, una delle grandi capitali della cultura italiana e mondiale, è il sogno di molti. Recentemente gli allievi del Liceo "Vasco Beccaria Govone" hanno avuto questa fortuna: la nostra Scuola ha infatti organizzato una gita proprio a Firenze: il giorno 11 ottobre alle ore 6.30 in Piazza della Repubblica vi era un capannello di sessantasei persone impazienti di partire. Con noi vi erano gli accompagnatori: i Proff. Carla Rossi, docente di  Storia dell’Arte, Monica Menichelli e Stefano Casarino, docenti di Lettere, Federico Bausone, docente di Scienze Motorie. Noi studenti siamo le classi quarta A e B dello Scientifico e terza A del Classico; malgrado la stanchezza per l’orario scomodo, tutti eravamo già entusiasti prima ancora di partire. Il viaggio è durato cinque ore e alle 11.00 eravamo già in Piazzale Michelangelo, vicino a quella che sarebbe stata la nostra casa per i  prossimi quattro giorni: il bellissimo Hostel Plus Hotel, situato proprio al centro della città. Ci siamo sistemati in fretta e subito i Proff. ci hanno condotti in Piazza del Duomo, ove sorge appunto il magnifico Duomo di Firenze insieme al Battistero di San Giovanni. La prima visita è avvenuta davanti a quest’ultimo: lì la Prof.sa Rossi ha illustrato la Porta Nord e la Porta del Paradiso, due magnifici complessi di figure scolpite in bassorilievo e ricoperte di oro dal famoso artista Lorenzo Ghiberti nel XIV sec.. La docente ha poi illustrato la particolare struttura ottagonale del Battistero, molto simile a quella usata da Brunelleschi per la cupola del Duomo. Dopo il Battistero siamo andati a visitare il Museo del Duomo, dove sono conservate decine di statue scolpite da diversi artisti del Rinascimento, fra cui anche il sommo Michelangelo. Poi pranzo libero e ritrovo alle 14.30 sempre in Piazza del Duomo. L’intento principale dei professori era quello di farci visitare il Duomo, ma si è poi scoperto che quel giorno era chiuso, pertanto la comitiva è tornata al Battistero, stavolta entrandovi, e ammirando gli splendidi affreschi delle mura dell’edificio. Ci è stato poi permesso di salire dapprima sulla Torre di Giotto e poi sulla cupola del Duomo, godendo così di una splendida vista. Dopo il ritorno in albergo e la cena, i  Proff. ci hanno esonerati dalla loro presenza e ci hanno lasciato continuare a visitare da soli la bellissima Firenze, con rientro previsto alle 23.00 in hotel.

L’indomani ci siamo svegliati molto presto (alle sei!!) per andare a visitare i bellissimi Giardini di Boboli; dopo aver consumato un’abbondante colazione nell’hotel, composta principalmente da bacon, uova strapazzate e altre leccornie, il gruppo si è diretto alla meta. Siamo rimasti molto colpiti dal giardino, il cui stile magnifico ricordava molto i prati inglesi o scozzesi. Alle 10.30 abbiamo purtroppo dovuto abbandonare il giardino per raggiungere la Cappella Brancacci. Alle 13.30 dopo il pranzo abbiamo visitato le Cappelle Medicee, San Lorenzo e Palazzo Medici-Riccardi: giornata intensissima, ricca di bellezza e di suggestioni grazie alle puntuali spiegazioni dei nostri Proff.

Il giorno dopo abbiamo visitato accuratamente la bellissima Piazza della Signoria, in cui sono numerose copie di opere di famosi scultori rinascimentali, come il Perseo o l’Ercole; siamo poi entrati nella Galleria dell’Accademia: lì, dopo una ragionevole attesa, abbiamo avuto il privilegio di ammirare il David di Michelangelo Buonarroti. Grandissima meraviglia e grandissimo entusiasmo nel vedere una della più famose icone dell’arte di tutti i tempi: non sono mancate le foto, i video e addirittura i selfie con il David! Poi è stato il turno di Piazza Santa Maria Novella, in cui si trovano il celebre Crocifisso di Brunelleschi e la Trinità di Masaccio; dopo una nuova serie di incanti, siamo andati infine a visitare Palazzo Rucellai, ma abbiamo potuto avere il piacere di vederne solo l’esterno, perché non c’era abbastanza tempo per visitarlo completamente.

Infatti, pochi istanti dopo, è finalmente arrivato il momento che tutti attendevamo con ansia : l’incontro con il celebre Tim Cook, CEO (Chief Executive Officer, ovvero Amministratore Delegato) della Apple, venuto a Firenze per incontrare circa un migliaio di giovani – tra i quali appunto, e lo rivendichiamo con orgoglio, noi liceali monregalesi – per celebrare assieme la “maggiore età”, cioè i diciotto anni di vita, dell’importante progetto “Il quotidiano in classe”, al quale il nostro Liceo aderisce sin dalla sua nascita.

Tim Cook ha dimostrato grande affabilità ed è stato più che disponibile a rispondere alle domande che gli sono state poste dagli studenti, acconsentendo  a farsi fare foto e selfie con tutti noi.

Un incontro molto bello e molto importante: abbiamo apprezzato il modo articolato e ricco di spessore con cui questo grande manager di oggi, il successore del mitico Steve Jobs, ha dialogato con noi: e, immodestamente, crediamo che anche lui abbia riportato un’impressione molto positiva di noi studenti italiani!

Infine, la mattina di sabato 14 ottobre, ultimo giorno di questa bellissima gita, abbiamo visitato il Bargello, ricco di sculture del 1500, e la Chiesa di San Marco, la quale è stata molto lodata per i bellissimi affreschi, quelli del Beato Angelico, e il Cenacolo del Ghirlandaio. Dopo un veloce pranzo, ci siamo diretti al Museo degli Uffizi, ove sono custodite migliaia di opere medievali e rinascimentali, quali la Venere e la Primavera di Botticelli, la Madonna dal Collo Lungo, la Madonna col Bambino di Giotto e molte altre che la Prof.sa Rossi è stata più che felice di descrivere nei minimi particolari. Una volta usciti dagli Uffizi, ci siamo diretti verso l’ultima tappa, la Chiesa di Santa Croce : la Basilica, progettata con architettura gotica, custodisce fra i suoi tanti tesori il Crocifisso di Cimabue e molti cenotafi. È la chiesa celebrata da Foscolo nei suoi Sepolcri, come non ha mancato di rammentarci il Prof. Casarino, “il tempio delle Itale glorie”.

Abbiamo poi raccattato i nostri bagagli e siamo ripartiti per il ritorno. Il viaggio è stato più breve di quanto previsto e entro le 23:00 eravamo già a Mondovì.

Tutti noi studenti abbiamo espresso un giudizio molto positivo su questa gita, che ha coniugato arte e scienza, saperi di ieri (storia, letteratura, ecc…) e saperi di oggi (informatica, media, ecc…) dimostrando che un approccio dinamico -  recandosi sui posti che troppo spesso restano solo sui libri di testo - ed incontrando direttamente personaggi importanti del nostro presente è un ottimo modo per fare e godere della cultura.

Pieno gradimento anche dei nostri docenti accompagnatori, ancora più convinti dopo questa esperienza assieme, che si possa far scuola in modi e forme diverse (ma non per questo meno efficaci, anzi!) rispetto alle solite aule e alle consuete lezioni tradizionali.

 Fabrizio Biancucci – 3 A Classico

 

Il Liceo a "Peccati di gola" 2017

Al Liceo “ Vasco, Beccaria, Govone”  con MERAVIGLIA!

Peccati%20di%20gola.jpg

Nei giorni della kermesse monregalese “Peccati di gola 2017, attraverso il filone di “ A scuola con gusto”, il Liceo “ Vasco, Beccaria, Govone” ha  aperto le porte ad un pubblico di circa 200 visitatori, che accompagnati con entusiasmo e competenza da una trentina di studenti, assistiti dai loro docenti, hanno potuto apprezzare il patrimonio artistico, letterario e scientifico di questa scuola, esposto nella Biblioteca, nel Museo di fisica e nel Museo di scienze.

Per gli studenti si è trattato di una significativa attività di Alternanza scuola – lavoro, fonte di arricchimento culturale e personale, mentre per il liceo ha costituito una bella occasione di dialogo e di condivisione con il territorio, adempiendo alle finalità del progetto “ Apriti Liceo” con cui la scuola partecipa al bando “ Scuola: Spazio Aperto alla Cultura” del MIBACT.

Numerosissimi e davvero molto curiosi i visitatori under 14 che con emozione sono rimasti incantati di fronte alle collezioni del Museo di Scienze, alle apparecchiature antiche di quello di fisica, ai Manifesti napoleonici della Biblioteca.

Quest’anno inoltre il Liceo ha proposto all’interno della manifestazione “ Peccati di gola 2017” altri due eventi culturali di alto livello: il Convegno sulla tutela agroalimentare, apprezzatissimo dagli studenti del Liceo Economico Sociale, con gli interventi del Prof. G.Galla e dell’ Avv. G.Bonadio, e l’esposizione di una mostra di astronomia e storia naturale “ Lontano, lontano nel tempo, a cavallo di un raggio di luce”, curata dall’ Osservatorio astronomico di Brera e integrata da un’ attenta scelta di reperti archeologici del Museo di scienze della scuola .

Considerato il successo di questa iniziativa, il Liceo ha già messo in cantiere e realizzerà a breve termine altri momenti di apertura al pubblico. 

Convegno AICC 2017 - sessione autunnale

Convegno AICC 2017 - Sessione autunnale

 

Locandina%20AICC%202017.jpg

A Lampedusa anche il Liceo commemora il naufragio del 3 ottobre 2013

A Lampedusa anche il Liceo commemora il naufragio del 3 ottobre 2013

Classe%20con%20Grasso.jpg

Viaggio Memoria Condivisione .Sono queste le parole chiave per commemorare il 3 ottobre 2013. In quella data avvenne una delle più impressionanti tragedie del mare: 368 migranti che erano a bordo di un barcone persero la vita ad una manciata di miglia dalle coste dall’avamposto meridionale d’Europa. Da allora Italia e Europa si adoperano affinché non capitino mai più stragi di questo genere, e il Comitato 3 Ottobre, sorto all’indomani di questa ecatombe, si occupa di organizzare la “Giornata della Memoria e dell’Accoglienza . Nell’ambito di una collaborazione tra il Comitato e il MIUR è nato il progetto “L’Europa inizia a Lampedusa”, ovvero tre giornate dedite ad attività di formazione  in collaborazione con le  Ong ed esperti internazionali, a cui hanno potuto partecipare grazie ad un concorso trentacinque scuole e oltre duecento studenti, provenienti da Italia, Francia, Malta, Austria e Spagna.

Tra gli oltre 230 elaborati in concorso è stato premiato anche il fumetto “Stand Up!” realizzato da quattro studentesse del liceo scientifico di Mondovì, che hanno avuto l’occasione di conoscere in prima persona una realtà che Lampedusa vive ormai da molti anni, in un momento indimenticabile di scambio e condivisione con i reduci e i parenti di chi non è sopravvissuto a quel naufragio. Le loro parole hanno segnato profondamente tutti i partecipanti, ed è stato difficile trattenere le lacrime. Sono intervenuti e hanno partecipato al corteo con gli studenti e i sopravissuti  alla Porta d’Europa e alla commemorazione in mare il Presidente del Senato Pietro Grasso e la Ministra dell’ Istruzione Valeria Fedeli. Non sono mancate due giornate di laboratori proposti sia dal MIUR che da rappresentanti di organizzazioni come Medici Senza Frontiere, Amnesty International, e Save the Children e altre ancora che hanno permesso di approfondire i temi dell’immigrazione, dell’ integrazione e dei diritti dei rifugiati e dei richiedenti asilo.

Questi giorni a Lampedusa sono stati un punto di raccordo tra esperienze nuove e percezioni del passato, una splendida occasione per approfondire il caso umanitario della migrazione in Europa e per correggere le idee sull’argomento inflazionate e talvolta ingigantite dai media. La presenza di Chiara Martino, Alice Olmo, Noemi Orsi e Eleonora Quaranta accompagnate dalla prof.ssa Teresa Cavallero vuole ricordare  che non bisogna mai smettere di porsi la domanda: che cosa possiamo fare noi? Siamo tutti coinvolti in questo quesito, tutti siamo tenuti a riflettere. Per questo bisogna conoscere il viaggio, non perdere mai memoria delle perdite, e condividere le esperienze per migliorare insieme.

Sottocategorie

News Liceo
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
Prev Next

29-12-2017

Notte del Liceo Classico

Notte del Liceo Classico

LA NOTTE DEI CLASSICI ANCHE A MONDOVÌ Venerdì 12 Gennaio 2018 dalle 18.00 alle 22.00 il Liceo “Vasco – Beccaria – Govone” di Mondovì apre le proprie porte alla cittadinanza con la Notte Bianca dei Licei Classici. Si tratta della IV edizione di una iniziativa a livello nazionale che negli anni si...

07-12-2017

Liceo matematico

Liceo matematico

Il liceo matematico, novità del 2017!     Il liceo scientifico Vasco Beccaria Govone ha da quest’anno arricchito la propria offerta formativa con una proposta di alto livello didattico-scientifico e di portata nazionale: l’istituzione di classi di liceo potenziato in matematica (LPM). Il liceo potenziato in matematica è nato in seno al mondo accademico,...

07-12-2017

I libri, l'arma più forte contro la violenza

I libri, l'arma più forte contro la violenza

I LIBRI, L’ARMA PIÚ FORTE CONTRO LA VIOLENZA Scuola e cultura per la Giornata Mondiale contro la violenza 25.11.2017   Una Scuola che concretamente si apre al territorio è anche una Scuola che sa accogliere con pronto entusiasmo le proposte di collaborazione che arrivano da associazioni ed enti culturali e dalle librerie. Come...

07-12-2017

Che cosa è il tempo?

Che cosa è il tempo?

“CHE COSA E’ IL TEMPO?“ Al buon sant’Agostino saranno continuamente fischiate le orecchie, mercoledì 29 novembre – una volta tanto non per via di antifone o salmodie innalzate in suo onore, bensì per esser stato l’autore di una delle più efficaci pagine sul tema del tempo che la civiltà occidentale...

16-11-2017

Io leggo perché 2017

Io leggo perché 2017

SCUOLA E LIBRI: UN BINOMIO INDISSOLUBILE … ANCHE NEL 2017   GRANDE SUCCESSO DEL PROGETTO “IO LEGGO PERCHÉ”AL LICEO “VASCO-BECCARIA-GOVONE” DI MONDOVÍ. Il progetto “Io leggo perché”, giunto quest’anno alla sua terza edizione, è la più grande iniziativa nazionale di promozione della lettura, organizzata dall'Associazione Italiana Editori. Da sabato 21 a domenica 29...

09-11-2017

A Firenze per incontrare l'antico e il moderno

A Firenze per incontrare l'antico e il moderno

 Un gruppo di sessantasei studenti del Liceo Vasco-Beccaria-Govone per quattro magnifici giorni nella capitale della cultura.     Visitare Firenze, una delle grandi capitali della cultura italiana e mondiale, è il sogno di molti. Recentemente gli allievi del Liceo "Vasco Beccaria Govone" hanno avuto questa fortuna: la nostra Scuola ha infatti organizzato una...

03-11-2017

Il Liceo a "Peccati di gola" 2017

Il Liceo a "Peccati di gola" 2017

Al Liceo “ Vasco, Beccaria, Govone”  con MERAVIGLIA! Nei giorni della kermesse monregalese “Peccati di gola 2017, attraverso il filone di “ A scuola con gusto”, il Liceo “ Vasco, Beccaria, Govone” ha  aperto le porte ad un pubblico di circa 200 visitatori, che accompagnati con entusiasmo e competenza da una...

17-10-2017

Convegno AICC 2017 - sessione autunnale

Convegno AICC 2017 - sessione autunnale

Convegno AICC 2017 - Sessione autunnale  

03-10-2017

A Lampedusa anche il Liceo commemora il naufragio del 3 ottobre 2013

A Lampedusa anche il Liceo commemora il naufragio del 3 ottobre 2013

A Lampedusa anche il Liceo commemora il naufragio del 3 ottobre 2013 Viaggio Memoria Condivisione .Sono queste le parole chiave per commemorare il 3 ottobre 2013. In quella data avvenne una delle più impressionanti tragedie del mare: 368 migranti che erano a bordo di un barcone persero la vita ad una...

29-09-2017

Quattro giorn tra giornalismo e arte

DA MONDOVI’ A FIRENZE: QUATTRO GIORNI TRA GIORNALISMO E ARTE. Da mercoledì 11 ottobre le classi 3°A Classico, 4°A e 4°B Scientifico del Liceo “Vasco-Beccaria-Govone” di Mondovì si recheranno a Firenze per quattro giorni, durante i quali avranno la possibilità di conoscere personaggi famosi e di visitare questa bellissima città. Tutto ciò...

26-09-2017

L'Europa inizia a Lampedusa

L'Europa inizia a Lampedusa

L'Europa inizia a Lampedusa Le alunne Chiara Martino, Alice Olmo, Noemi Orsi ed Eleonora Quaranta della classe 4^A Scientifico saranno presenti come vincitrici del concorso alla manifestazione a Lampedusa. 

16-09-2017

Premiazione del concorso “La Quercia del Myr”

Premiazione del concorso “La Quercia del Myr”

L'alunna Valentina Giubergia, frequentante il quarto anno del Liceo Classico dell’Istituto “Vasco-Govone-Beccaria” di Mondovì, ha partecipato in data 16/09/2017 alla premiazione del concorso “La Quercia del Myr”, indotto dall'associzione Savin, ottenendo il primo posto nella sezione “minorenni”, con il  racconto Jonah. La suddetta competizione, ospitata e patrocinata dal comune di San...

08-04-2017

Donation day 2017

Donation day 2017

Gli studenti dei Licei donano sangue alla collettività Sensibilizzare gli studenti sul dono del sangue e convincerli a diventare  volontari in forma sistematica non è impresa facile.  Da alcuni anni  questa attività è coordinata dal Dipartimento di Prevenzione dell’ ASL CN1 che si interfaccia con le Dirigenze scolastiche interessate (progetto: “Porgi...

07-04-2017

Incontro con la CISL per due quinte del liceo

Incontro con la CISL per due quinte del liceo

Incontro con la CISL Venerdì 7 aprile noi alunni della 5^ A LES e della 5^ B LSU del Liceo Vasco-Beccaria-Govone abbiamo partecipato a un incontro organizzato da alcuni rappresentanti della C.I.S.L, confederazione che si occupa anche di varie problematiche legate all'inserimento lavorativo e all’integrazione sociale di migranti, A.N.O.L.F, associazione nazionale...

23-03-2017

Incontri con l'astronomia: alla scoperta delle onde gravitazionali

Incontri con l'astronomia: alla scoperta delle onde gravitazionali

Conferenza del prof. Marco Billò docente di fisica dell'Università degli Studi di Torino sulla recente scoperta delle onde gravitazionali. Grazie all'Unione Monregalese per l'articolo apparso sul settimanale!

22-03-2017

I ragazzi della 5B LSU in onda su RaiTre!

I ragazzi della 5B LSU in onda su RaiTre!

Sfida a colpi di titoli e citazioni, per una classe di studenti di Mondovì. La V B del Liceo delle Scienze umane di Piazza è la protagonista della puntata di “Un pugno di libri”, la bella trasmissione del sabato pomeriggio di Rai Tre condotta da Geppy Cucciari, che andrà in...

22-03-2017

Secondo e quarto posto al concorso Free4Europe per gli studenti dei Licei

Secondo e quarto posto al concorso Free4Europe per gli studenti dei Licei

    Studenti del liceo Vasco-Beccaria-Govone raccontano l’Europa e volano a Lubiana   Sessant’anni fa a Roma veniva firmato un trattato all’insegna della pace e della concordia, una promessa di unità fatta da Stati che si erano distrutti a vicenda su fronti opposti della guerra fino a pochi anni prima, un esempio di politica...

13-03-2017

Laboratorio sulla Rigenerazione Urbana di Mondovì

Laboratorio sulla Rigenerazione Urbana di Mondovì

Lunedi 13 marzo nell'Aula Magna del nostro Istituto si è tenuta la conferenza dell'architetto Angelo Patrizio (responsabile Settore Urbanistica e Progettazione Urbana di Confcommercio) che ha presentato a studenti e docenti il Laboratorio sulla Rigenerazione Urbana di Mondovì e illustrato interventi e esperienze utili a avviare il lavoro sul territorio...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner si acconsente all’uso dei cookie.